GTranslate

Italian English
Goethe: Anche a me qui sembra di essere un altro. Dunque le cose sono due: o ero pazzo prima di giungere qui, oppure lo sono adesso.Da quanto si dica, si narri, o si dipinga, Napoli... (Goethe) Charles de Brosses: A mio parere, Napoli è l'unica città d'Italia che rappresenta veramente la sua capitale. (Charles de Brosses) Stendhal: Parto. Non dimenticherò né la via Toledo né tutti gli altri quartieri di Napoli; ai miei occhi è, senza nessun paragone, la città più bella dell'universo. (Stendhal) Lucio Dalla: Uno dei miei grandi sogni è essere napoletano (Lucio Dalla) Pier Paolo Pasolini: Ma cosa vuoi farci, preferisco la povertà dei napoletani al benessere della repubblica italiana, preferisco l'ignoranza dei napoletani alle scuole della repubblica italiana (Pier Paolo Pasolini) John Turturro: Napoli è un luogo misterioso sia per chi non ci abita sia per i suoi stessi abitanti: c'è qualcosa di veramente vibrante e vivo che si percepisce ovunque ed è come qualcosa... (John Turturro) Elsa Morante: Napoli è tante cose, e molti sono i motivi per cui la si può amare o meno, ma soprattutto Napoli è una grande capitale, ed ha una stupefacente capacità di resistere alla paccottiglia kitsch da cui è oberata, una straordinaria possibilità di essere continuamente altro rispetto agli insopportabili stereotipi che la affliggono. (Elsa Morante) Erri de Luca: La doccia è milanese perché ci si lava meglio, consuma meno acqua e fa perdere meno tempo. Il bagno invece è napoletano: un incontro con i pensieri. (Erri de Luca)

Cappella Sansevero

Categoria: NAPOLI
Pubblicato: Mercoledì, 24 Dicembre 2014
Scritto da fabio comella

 

 

 

 

 

 

E ' sicuramente uno dei siti se non il sito più visitato a Napoli!

Gioiello dell'arte moderna con inestimabili capolavori come il Cristo velato , è soprattutto un complesso libro di sapere ermetico nascosto abilmente nei complessi scultorei . Opera di rilievo del più grande esponente della massoneria napoletana di fine settecento!

L'elegante Vomero e la sua Certosa di S.Martino

Categoria: NAPOLI
Pubblicato: Mercoledì, 24 Dicembre 2014
Scritto da fabio comella

 

 
 
La Certosa di S. Martino è considerato il museo di Napoli più vario e sorprendente; ricco per bellezza artistica, curiosità e vari elementi di stile, questo museo offre un meraviglioso panorama dalle sue finestre e terrazze. La sola cappella è considerata,insieme alla cappella di San Gennaro al duomo, il culmine dell'arte barocca  napoletana.

Costruito sulla collina del Vomero, ai piedi di Castel Sant’Elmo, il museo è costituito da una chiesa del XVIII° secolo con diverse sagrestie talmente ricche di capolavori d’arte da sembrare delle gallerie di arte Napoletana di quel tempo.

Nello stesso complesso monastico si possono trovare tra gli altri: un bel chiostro opera di Cosimo Fanzago, altri piccoli chiostri, lunghe stanze che registrano la storia di Napoli, modelli di navi, carrozze,gioielli, la sezione del quarto del priore e quella presepiale con il famoso presepe Cucciniello.
 
 
 
 


Aperto tutti i giorni escluso il mercoledì
Biglietto di accesso al sito ntero: € 6,00
ridotto: € 3,00
gratuito: per i cittadini della Unione Europea sotto i 18 

Museo Archeologico Nazionale

Categoria: NAPOLI
Pubblicato: Mercoledì, 24 Dicembre 2014
Scritto da fabio comella
 
 
 

Il museo archeologico di Napoli è probabilmente il più importante museo del mondo per quanto riguarda l'archeologia classica.

Al di là del realtivo valore che ha questa affermazione, è certo che lo stesso museo infatti rappresenti per la sua stessa storia culturale prima ancora che per la  ricchezza straordinaria delle sue collezioni un momento fondamentale per la formazione della cultura classica in Europa con le scoperte di Pompei ed Ercolano.

Battaglia di Isso (mosaico)


Il museo ospita  varie collezioni, tra le più importanti sicuramente quella egizia, Borgia, Farnese (divisa tra questa il museo di Capodimonte) e Murat, che si sono arricchite attraverso i secoli.

L'Ercole Farnese



Altre collezioni sono:
  • "Collezioni popeiane": vi sono i mosaici, la casa del Fauno, il Gabinetto Segreto, gli affreschi, il tempio di iside, argenti, avori e ceramiche invetriate, vasellame, bronzi, vetri, il plastico di Pompei, la villa dei Papiri, sculture e busti marmorei e bronzei, ed altri reperti;
  • "Settore Topografico"
  • "Collezione Epigrafica";
  • "Collezione Numismatica";
  • "Salone della Meridiana";
  • "Stazione Neapolis 
 
 
 
 
Il museo rappresenta uan tappa fondamentale per coloro che hanno già visitato gli scavi di Pompei, Ercolano ed Oplonti e strumento unico per completare ed arrichire la visita didattica.
 
 


Apertura tutti i giorni escluso il martedì
Biglietto di accesso al sito 13.00 fino al 6 gennaio (da verificare in seguito causa mostra)
Durata della visita 2:00 ore.
 

Palazzo reale di Napoli

Categoria: NAPOLI
Pubblicato: Mercoledì, 24 Dicembre 2014
Scritto da fabio comella

Museo di Capodimonte : scrigno dell'arte italiana

Categoria: NAPOLI
Pubblicato: Mercoledì, 24 Dicembre 2014
Scritto da fabio comella

 

Il museo nazionale di Capodimonte di Napoli è un gioiello che brilla nella omonima collina di Napoli.

Masaccio, Tiziano, Raffaello, Michelangelo, Caravaggio. Sono solo alcuni dei Grandi maestri dell'arte italia che sono presenti nell' ex real palazzina di caccia  oggi pinacoteca.

é sicuramente il mio museo preferito. Non tengo più il conto delle volte che l'ho visitato tra mostre e lezioni universitarie. Capodimonte però  è un tesoro ancora troppo nascosto che stramerita di essere visto.

Il museo trae origine dalla straordinaria collezione dei Farnese, una delle famiglie più importanti del Rinascimento italiano. A questo deve la varietà delle sue raccolte che, dalla pittura e dalla scultura, si estende ai disegni, alle armi, alle arti decorative con una ricchezza di esemplari di grande raffinatezza, frutto sia del collezionismo farnesiano sia, in seguito, delle corti dei Borbone e dei Savoia. Ma, allo stesso tempo, Capodimonte è stata anche una reggia sontuosa, vissuta e abitata, con fortuna discontinua, dalle famiglie regnanti tra Settecento e i primi decenni del Novecento.











Apertura tutti i giorni escluso il mercoledì
Biglietto di accesso la sito € 7.50(ridott. 3.75)
Durata della visita 2:00 ore.








Sottocategorie

Dott. Fabio Comella. Guida Turistica Regione Campania. Tel. 0039 3335605637

licensed guide